Contatto:

antonella@chiocciolinacreativa.it



 

Come fare la Maglia a Coste (Cannolè ) con Addi Express o l'equivalente Prym










 

maglia rasata, cannolè

La maglia a coste, detta anche cannolè, è il primo punto particolare che ho imparato a fare con il mulinetto a manovella, anche se ci vuole un po' di manualità e una buona dose di pazienza.

Poichè bisogna smagliare e rimagliare, il procedimento è piuttosto lento, quindi conviene applicarlo su bordi non troppo alti.

Io ho imparato da questo video: è in inglese ma si capisce bene anche solo guardando le immagini

In questo video l'autrice usa la Prym, ma è del tutto analogo in ogni altro mulinetto.

Se notate, prima di smagliare e rimagliare con l'uncinetto, il mulinetto viene messo al contrario rispetto all'utilizzo normale: in pratica ci si trova la manovella a sinistra invece che a destra, in modo da maneggiare l'uncinetto con la mano destra avanzando un poco alla volta, e inoltre io mi trovo meglio se me lo metto sulle ginocchia smontando i piedini.

Quando si decide di fare un tratto a cannolè penso sia meglio non lavorare più di 20 righe di maglia alla volta, altrimenti diventa scomodo riuscire a tenere tesa la maglia nel verso della lunghezza per smagliare in modo corretto senza sbagliare il conto del numero di righe.

Quando si smaglia e rimaglia, è facile che si facciano errori di righe, a me una volta è capitato di ritrovarmi uno scalino quando ho finito di fare il giro del tubolare. Pertanto per segnare e bloccare le maglie, uso le graffette gommate: conto prima quanti giri di maglia voglio smagliare e metto una graffetta nella maglia, lungo quella riga di maglia metto altre tre o quattro graffette allineate alla prima nei punti dove voglio fare le smagliature successive, quindi smaglio la riga in verticale arrivando fino alla maglia bloccata dalla graffetta, recupero quella maglia dalla graffetta con l'uncinetto e e solo allora comincio a rimagliare come nel video salendo verso l'alto. In tal modo basta contare solo la prima volta e non c'è pericolo di sbagliare inavvertitamente il numero di righe smagliate, le altre graffette vanno solo posizionate lungo la stessa linea, e si aggiungono via via che si avanza con le rimagliature.

Ancora un consiglio: è bene fare attenzione a non smagliare anche l'ultima fila di maglie, altrimenti il lavoro letteralmente si scioglie.

Quando si fa il cannolè in un verso e in quello opposto, il modo di presentarsi del bordo esterno è un po' diverso: se lo faccio all'inizio del lavoro, è molto più elastico perchè non c'è bisogno di fargli ulteriori rifiniture all'uncinetto, inoltre proprio per il fatto di rifinire la chiusura all'ucinetto su un lato solo, ovviamente si presenta anche in modo diverso, questo va tenuto in considerazione nella lavorazione di un tubolare che abbia i due estremi rifiniti a cannolè. Pertanto per i cappucci, è meglio fare il cannolè all'inizio, così entrano meglio.

La lavorazione a coste si può ovviamente fare anche alternando in modo vario i punti dritto e rovescio: due dritti e due rovesci ad esempio, o tre dritti e due rovesci e così via. Qualunque sia la combinazione che si sceglie, c'è sempre da tenere in considerazione che si ha a che fare con un tubolare e quindi i conti devono "tornare", quindi vale la pena prendere un foglio di carta e disegnarsi lo schema.

Per ora mi fermo qui, spero di essermi spiegata!

Data ultimo aggiornamento pagina: 10/01/2014

torna all'indice dei lavori a maglia al mulinetto>>